Scrivere recensioni: perché lo facciamo tutti?

Scritto da:
Redazione BookToBook
28 Set 2021

Scrivere recensioni un tempo era un autentico genere letterario e i critici ne avevano appannaggio esclusivo. Oggi chi scrive e chi legge recensioni è lo stesso individuo: il consumatore finale.

Tutti condividono le proprie esperienze e gli acquisti fatti. Il luogo deputato alla critica di massa: app, social media e web.

Perché scriviamo tutti recensioni? Per iniziativa personale: premiare o punire le aziende e gli autori e assistere gli altri nelle loro prossime scelte. Per interesse: perché riceveremo un qualche premio o beneficio in cambio (punti, bonus, sconti).

Le recensioni di massa riescono ad avere un peso sull’economia, sulle sorti di un commerciante, sulla fama di un prodotto.

Scrivere recensioni: un’umana emergenza?

La valutazione a stelle, indicatore per libri e film, oggi giudica mutande e smerigliatrici, escort, parrucchieri e psicoterapeuti, giardinetti pubblici e spiagge.

Dai tempi in cui lo scrittore John Green faceva il critico letterario, tutti sono diventati recensori e tutto è diventato oggetto di recensione.

Una scena dell’adattamento cinematografico del mio libro Colpa delle stelle è stata girata su una panchina ad Amsterdam; quella panchina ora ha centinaia di recensioni.

Ricorre una recensione di sole tre parole:

“è una panchina”. Ricorre però anche, “non è certo una panchina qualsiasi”. Pervasiva, irriverente, dominante, a tratti inquietante, questa è la critica popolare.

Se la recensione online fosse un genere letterario, la sua mole di parole spese – e in soli pochi anni – supererebbe ogni altra pubblicazione.

Recensire tutto (l’Antropocene)

Il nuovo libro di John Green non è un romanzo – come i bestseller Cercando Alaska, Tartarughe all’infinito e Colpa delle stelle – bensì una raccolta di recensioni dell’Antropocene.

Benvenuti nell’antropocene

ACQUISTA IL LIBRO

Acquista su Mondadori StoreAcquista su AmazonAcquista su IBSAcquista su FeltrinelliAcquista su Rizzoli

Il termine Antropocene indica l’era geologica segnata dalla presenza umana, quindi il periodo che va da 3.000 anni a questa parte.

Volevo comprendere la contraddittorietà del potere degli esseri umani. Siamo contemporaneamente troppo potenti e non abbastanza potenti.

L’uomo è la creatura della quale avere più paura e, al contempo, nella quale è possibile riporre le maggiori speranze.

In Benvenuti nell’Antropocene John Green recensisce l’impatto umano.

Dalle pitture rupestri alla tastiera QWERTY, dall’aria condizionata a Internet, i Pinguini del Madagascar e la parabola del portiere Jerzy Dudek. E poi, ancora, i tramonti, la peste, l’acquaneve e la mania di googlare gli estranei.

Un libro ricco di aneddoti da fare propri, per essere rispesi nelle conversazioni quotidiane. Un piccolo saggio sul talento umano e su come è stato speso fino a oggi.

Un invito a scrivere recensioni, anche solo mentalmente, per esercitare il proprio spirito critico.

Scrivere recensioni con le stelle: storia breve

Scrivere recensioni adottando la valutazione a stelle è una convenzione in uso dagli anni Settanta. John Green spiega in breve dove è nata e comè arri’vata a imperare su ogni aspetto del quotidiano.

“Nella critica cinematografica veniva impiegata occasionalmente già dagli anni Cinquanta, ma nella classificazione degli hotel fu adottata solo dal 1979. Per quanto riguarda i libri non divenne di uso comune finché Amazon non introdusse le recensioni dei lettori”.

La valutazione a stelle non esiste concretamente per gli umani; esiste per i sistemi di aggregazione di dati

“Per questo motivo è diventata la normalità solo nell’era di Internet. Per l’intelligenza artificiale trarre conclusioni su un libro in base a una recensione di 175 parole è un lavoraccio, mentre con le valutazioni a stelle se la cava egregiamente”.

Anche a te che hai letto questo breve articolo, non possiamo che dare 4 stelle.

Per approfondire